an image

Diagnostica strutturale

 

  • Prove di carico su pali
    • Le norme tecniche che racchiudono tutto quello che riguarda: terreni, opere di sostegno e fondazioni prevedono prove di carico obbligatorie da eseguire su pali, ed in particolarmodo prove si dividono in due tipi: prove eseguite su pali pilota e prove eseguite su pali di collaudo. Le prime prove si effettuano su pali non appartenenti alla palificata di fondazione, ma appositamente costruiti con lo scopo di controllare il comportamento geotecnica del palo nei confronti del terreno ed avere informazioni progettuali su questi elementi. Le seconde invece vengono condotte su elementi facenti parte della fondazione per verificare la veridicità delle ipotesi poste alla base del progetto e la veridicità di esecuzione; esse pertanto non devono compromettere l’integrità dell’elemento.

     

  • Prove di carico su solai
    • - La prova consiste nel sottoporre il solaio ad un carico predefinito, tramite l’utilizzo di materassi ad acqua caricati gradualmente, tale operazione viene effettuata per verificare il comportamento elastico e l'entità delle deformazioni sotto carico. Il carico di prova viene preventivamente calcolato con formule desumibili dalla letteratura tecnica e sottoposto a verifica durante l'esecuzione, in funzione del reale comportamento sotto carico crescente della fascia di solaio interessata e delle fasce contigue; sì tiene conto in tal modo del reale comportamento della struttura.

     

  • Prove con martinetti piatti
    • Negli interventi di consolidamento statico degli edifici in muratura, in fase di accertamento della qualità delle strutture vi è la necessità di verificare le caratteristiche di deformabilità e resistenza dei materiali che costituiscono la struttura in esame. Tali conoscenze permettono di poter prevedere con certezza la risposta globale della struttura sottoposta ad indagine, per qualsiasi tipo di sollecitazione. per l’acquisizione di questo tipo di informazioni si può applicare la prova con i martinetti piatti: la prova a martinetto singolo ci per mette di rilevare l'entità dello stato tensionale in uno specifico elemento murario in cui si effettua la prova; quella a martinetto doppio invece consente l'individuazione delle caratteristiche di deformabilità e rottura dell’elemento murario sottoponendo il volume di materiale da essi delimitato ad una prova di compressione monoassiale.